https://bodybydarwin.com
Slider Image

Proteggere i nostri bambini dai cambiamenti climatici potrebbe richiedere molto più che ridurre le emissioni

2021

Raramente è un negativo visto come positivo. Ma un nuovo studio sulla rivista Earth System Dynamics sostiene che le emissioni negative potrebbero essere la nostra unica speranza.

Guidato da James Hansen, il cosiddetto padre della consapevolezza dei cambiamenti climatici, insieme ai ricercatori di tutto il mondo, lo studio afferma che non è sufficiente ridurre le emissioni di gas serra. Se vogliamo evitare di sellare i giovani con i peggiori impatti del cambiamento climatico e un debito climatico di 576 trilioni di dollari, dobbiamo lavorare per far uscire dall'atmosfera alcuni di quei gas in eccesso.

I gas serra come l'anidride carbonica sono ritenuti la forza trainante del cambiamento climatico causato dall'uomo. Quando bruciamo combustibili fossili come il carbone, ad esempio, inviamo queste emissioni nell'atmosfera. Lì, aiutano effettivamente a intrappolare il calore del sole all'interno, cucinandoci come un cane in un'auto calda e portando a tutti i tipi di scioglimento dei ghiacci e cambiamenti climatici. Gli scienziati del clima concordano sul fatto che dobbiamo ridurre queste emissioni il più rapidamente possibile per evitare i peggiori risultati possibili lungo la strada. Un recente rapporto ha suggerito che abbiamo solo tre anni per mettere in moto le disposizioni di riduzione delle emissioni prima che sia troppo tardi.

Ma questo nuovo articolo sostiene che non è sufficiente smettere di aggiungere al problema: dobbiamo anche attivamente eliminarlo. Per il bene delle generazioni future, lo studio suggerisce che dovremmo prendere provvedimenti per ridurre il livello di gas serra nell'atmosfera dal suo livello attuale di 400 parti per milione, a 350 parti per milione. I ricercatori stimano che se avessimo iniziato a ridurre le emissioni di CO2 nel 2021 ad un tasso del sei percento all'anno, avremmo anche bisogno di rimuovere 150 gigatonnellate, l'equivalente di una volta e mezza la massa di tutto il petrolio prodotto dal 1850— fuori dall'atmosfera entro il 2100. Secondo le stime, due terzi del carbonio potrebbero essere rimossi attraverso migliori pratiche agricole e forestali.

Hansen e i suoi colleghi trassero conclusioni in parte basate su dati geologici relativi all'era Eemiana. L'Eemian fu un periodo caldo tra due ere glaciali che si concluse all'incirca 115.000 anni fa. La nostra era (l'Olocene) è iniziata circa 11.700 anni fa ed è più fresca dell'Eemian. Il problema, affermano i ricercatori, è che gli obiettivi fissati dall'Accordo sul clima di Parigi ... che ci farebbe continuare a scaldare a meno di 2 gradi Celsius al di sopra delle temperature preindustriali - ci porta ancora ad un clima alterato. A 2 ° C al di sopra dei livelli preindustriali, ci rimane un clima che sembra più Eemiano dell'Olocene.

Alcuni negazionisti del clima hanno criticato tracciando parallelismi con l'Eemian, perché ci sono alcune differenze tra il clima di allora e quello di oggi. Hansen riconosce che ogni periodo interglaciale è diverso, quindi è importante guardarli singolarmente.

"Sì, il cambiamento del livello del mare sembra essere stato complicato, essendo alcuni metri più in alto oggi per la maggior parte dell'Eemian, poi salendo tardi nell'interglaciale a 6-9 metri [circa 20-30 piedi] sopra oggi ha detto Hansen a PopSci via e-mail . "" Ma una Terra 2C più calda di quella preindustriale è sicuramente pericolosa

In uno studio del 2015 sulla rivista I ricercatori scientifici guidati da Andrea Dutton dell'Università della Florida hanno confrontato il nostro attuale livello di riscaldamento con i periodi precedenti in cui la Terra era altrettanto calda. I risultati non sono stati confortanti. In ciascuno di quei periodi il livello del mare è salito di almeno sei metri, equivalenti a 20 piedi. La National Oceanic Atmospher Administration ha un mappatore del livello del mare che ci consente di vedere cosa accadrebbe agli Stati Uniti in vari scenari del livello del mare. Massima a sei piedi.

Il documento è stato sviluppato, in parte, come giustificazione scientifica per la causa di Our Children Trust ( Juliana et al. Contro Stati Uniti ) di cui Hansen è attrice, contro il governo federale. La causa, avviata da 21 giovani attori nel 2015, sostiene che non agendo sul cambiamento climatico il governo federale non è riuscito a garantire la fiducia del pubblico. È un dovere che sostengono sia stato codificato in legge nel caso della Corte Suprema degli Stati Uniti del 1892, Illinois Central Railroad v. Illinois . La sentenza ha affermato il dovere dello stato di prevenire una perdita sostanziale di un trust costituito da terre, acque, materiali e privilegi ".

Le ricerche presentate nel rapporto non necessariamente aprono nuove strade. Gli scienziati del clima sanno già che la Terra si sta riscaldando a un ritmo allarmante e che se non si intraprendono azioni rapide, i risultati saranno catastrofici. Ciò che fa è sintetizzare i dati in un modo che può essere compreso più facilmente dai non scienziati. Questo articolo più recente arriva a ben 40 pagine, praticamente un libro in un mondo in cui i documenti di ricerca scientifica possono essere brevi come tre pagine e di solito arrivano a un massimo di circa 15.

Il documento è così lungo, in parte, perché dedica una notevole quantità di tempo alla spiegazione delle informazioni. Lo studio illustra come i dati relativi alla temperatura indicano un riscaldamento. Descrive anche in dettaglio i circuiti di feedback: come oltre un certo punto, il riscaldamento del clima diventa auto-rinforzante. A differenza della maggior parte degli articoli scientifici, che presumono un certo livello di conoscenza del campo, questo studio è un documento contenuto. Potresti leggerlo senza alcuna preparazione e andartene con una più ampia comprensione dei cambiamenti climatici e i dati utilizzati per mostrare che i cambiamenti climatici sono sia reali sia causati dal comportamento umano.

All'inizio di quest'anno, l'amministratore dell'EPA Scott Pruitt ha dichiarato negli ultimi due decenni che i dati satellitari indicano che c'è stato un livellamento del riscaldamento [climatico]. "In risposta a quella (falsa) dichiarazione, i ricercatori del Lawrence Livermore National Laboratory, il Massachusetts Institute of Technology (MIT) e l'Università di Seattle hanno pubblicato uno studio che ha analizzato i dati satellitari esistenti per ribadire che, indipendentemente da ciò che Pruitt può affermare, non ci sono prove scientifiche che suggeriscano che le temperature si stanno abbassando.

Alcuni potrebbero dire che l'incursione degli scienziati del clima nella sfera pubblica più ampia è un segno della crescente politicizzazione della scienza. Altri potrebbero sostenere che è un segno che i dati sono diventati così conclusivi e le conseguenze così terribili che i ricercatori si sentono sempre più costretti a parlare. Nessuna posizione cambia il fatto che NOAA abbia pubblicato i suoi dati climatici all'inizio di questa settimana. I primi sei mesi del 2017 sono i secondi più caldi da quando la registrazione è iniziata più di un secolo fa. Il primo posto, come probabilmente saprai, va al 2016.

È più importante che mai che gli umani si uniscano per calciare le emissioni di gas serra sul marciapiede. Scopri cosa puoi fare personalmente qui.

Come i dinosauri moderni sono sopravvissuti all'apocalisse

Come i dinosauri moderni sono sopravvissuti all'apocalisse

MEGAPIXELS: I raggi X degli animali spettrali sono esattamente fantastici come immagineresti

MEGAPIXELS: I raggi X degli animali spettrali sono esattamente fantastici come immagineresti

NOAA prevede una stagione degli uragani sopra la media per il 2017

NOAA prevede una stagione degli uragani sopra la media per il 2017